TESTIMONE, 2016

PAS PROGETTO CONTEMPORANEO. ATELIER SARDEGNA

NUGHEDU SANTA VITTORIA, SARDEGNA 

Foto Kolbrún inga Söring, instalação com lãs de ovelha

TESTEMUNHO, 2016. LÃ DE OVELHA N˜AO TRATADA, TORAS DE MADEIRA E FOTOGRAFIA |  LANA NON TRATTATA, FOTOGRAFIA E PALI DI LEGNO. APROX. 250 x 200 x 170 CM.
FOTOS | PHOTOS: KOLBRÚN INGA SÖRING

Nughedu santa vittoria, pas progetto contemporaneo atelier sardegna

​A INSTALAÇÃO FOI APRESENTADA EM UMA DAS 12 CASAS ABANDONADAS UTILIZADAS PELA ARTISTA DURANTE O PROJETO DE RESIDÊNCIA ARTÍSTICA PAS ATELIER SARDEGNA EM NUGHEDU SANTA VITTORIA, PROVÍNCIA DE NUORO NA SARDENHA | L`INSTALLAZIONE È STATA PRESENTATA IN UNA DELLE 12 CASE ABBANDONATE USATE DALL`ARTISTA DURANTE RESIDENZA ARTISTICA PAS PROGETTO CONTEMPORANEO ATELIER SARDEGNA A NUGHEDU SANTA VITTORIA, PROVINCIA DI NUORO IN SARDEGNA. 

Screen Shot 2020-04-13 at 12.26.29.png

FOTOS | PHOTOS: KOLBRÚN INGA SÖRING

"Durante lo studio visit, sono rimasta colpita da uno dei primi lavori che Adriana mi ha mostrato: la serie fotografica “Testimone”, in cui è ritratta avvolta e travolta da un cumulo di lana di pecora che le era stato consegnato da un pastore locale, sin dai primi giorni del suo soggiorno sardo.

Mi ha raccontato che, quando l’ha ricevuto, ha iniziato a vestirsi con grandi pezzi di lana e a esplorare il materiale in un modo talmente naturale e istintivo da non temerne il contatto col suo corpo nudo. Un incontro-scontro che, a osservarlo bene, ci parla della curiosità e intima vicinanza che ha caratterizzato l’esperienza dell’artista in Sardegna.

Il temperamento latino ed estroverso della italo brasiliana Martins l’ha sicuramente aiutata nell’avvicinare una comunità curiosa, ma poco avvezza a raccontarsi e farsi raccontare.  Lei ha ascoltato e stimolato la narrazione, si è fatta guidare dal suo affetto per gli oggetti, dall’amore per i segni del tempo e la fisicità, dalla cura materna per ciò che le viene dato e dal desiderio di conoscere quanto di nuovo hanno da dirle gli oggetti e le persone che incontra."

FRANCESCA SASSU

CURATRICE E MANAGER CULTURALE